Società

Victor Hespanha, il primo criptonauta della storia

di Redazione

10 minuti

Indescrivibile“, Victor Hespanha racconta la sensazione di partecipare alla quinta missione con equipaggio della Blue Origin, il produttore aerospaziale di Jeff Bezos. L’ingegnere di produzione civile è il secondo brasiliano ad andare nello spazio, dopo aver acquisito dalla Crypto Space Agency (CSA) tre NFT (token non fungibili, ovvero un titolo finanziario composto da dati digitali conservati nella blockchain – struttura dati crittografica), diventando così il “primo criptonauta della storia”.

L’equipaggio di sei persone a bordo dell’NS-21, lanciato il 4 giugno 2022, includeva Evan Dick, che in precedenza aveva volato a bordo dell’NS-19, rendendolo la prima persona a volare con il New Shepard due volte. A bordo c’erano anche Katya Echazarreta, la prima donna nata in Messico e la più giovane americana a volare nello spazio, e Victor Vescovo, la prima persona a completare l’Explorers’ Extreme Trifecta, che prevede l’immersione in fondo alla fossa delle Marianne, la vetta del monte Everest e volare nello spazio.

Il Dott. Hespanha ha raccontato dettagli della sua esperienza a S-citizenship.

Lei ha 28 anni, una carriera promettente ed è uno dei pochi privilegiati a viaggiare nello spazio. Com’è essere il primo criptonauta della storia? Cosa la ha motivata a investire in NFT?

È stato incredibile essere scelto. È un onore e un privilegio farne parte. Sono un ingegnere e vivo a Belo Horizonte, Brasile. Fin da bambino sono sempre stato curioso e interessato alla tecnologia. Anche se non sono un programmatore, mi è sempre piaciuto capire il futuro e cosa ci aspetta. Mi piace capire l’ecosistema.

Ero un project manager presso un’azienda di agribusiness, un fondo di investimento in agribusiness. Tuttavia, ho sentito il bisogno di svilupparmi ulteriormente senza cambiare lavoro. Osservando il movimento della blockchain e comprendendo il suo potenziale sociale e su Internet, ho deciso di studiare di più il mercato e il suo concetto, evitando speculazioni.

Tramite un amico ho conosciuto il progetto della CSA e ho pensato che sarebbe stata un’ottima opportunità per ampliare la mia rete di contatti con persone provenienti da tutto il mondo e imparare da loro, oltre alla possibilità di valorizzazione dell’attivo, grazie al fatto di conoscere un possibile criptonauta, qualcuno della Blue Origin. L’ho comprato e sono stato sorteggiato per rappresentare la CSA nella missione. Ero a casa quando l’ho scoperto. Ero incredulo ed emozionato. Lo stesso giorno ho firmato il contratto.

A volte mi chiedo perché sono stato scelto, anche se sapevo che la probabilità era bassa. Credo che sia stato un dono di Dio e che Lui abbia uno scopo per questo. Spero di poter influenzare positivamente altre persone con la mia esperienza. Vedere la Terra dall’alto ha cambiato la mia percezione del mondo. Vedere quanto siamo piccoli nella realtà è diverso dal sapere in teoria.

Com’è stato l’addestramento per la missione? Com’è il Villaggio degli Astronauti? Ci parli della Blue Origin.

L’addestramento è iniziato in remoto subito dopo la firma dei contratti. Ci sono requisiti individuali di preparazione fisica e sicurezza, come la capacità di salire sei rampe di scale in meno di 2,5 minuti. È inoltre necessario mantenere costante il peso per preservare l’equilibrio della capsula.

Fin dall’inizio, abbiamo avuto sessioni di videochiamata con gli astronauti della NASA. È stato mio mentore Michael T. Good, che ha già partecipato a due missioni, inclusa la manutenzione del Hubble. È stato un onore conoscerlo.

Successivamente, ci siamo recati al Villaggio degli Astronauti a Van Horn, Texas, dove abbiamo partecipato a due giorni di addestramento intensivo e simulazione. Abbiamo ripetuto procedure e comportamenti standard all’interno della capsula venti o trenta volte. Siamo stati addestrati su come entrare e uscire dalla capsula, gestire gli avvisi di sicurezza, indossare maschere, allacciare e slacciare le cinture e galleggiare.

Il villaggio è accogliente, con roulotte, in mezzo al deserto, vicino a una montagna. La mia roulotte era esclusiva per me e mia moglie. Il cibo è incredibile, preparato da nutrizionisti e da uno chef stellato Michelin. L’esperienza è incredibile! Se fosse solo per il viaggio, sarebbe già il più bello della mia vita.

La Blue Origin intende rendere il viaggio sempre più simile a un volo commerciale, con un briefing sulla sicurezza prima del decollo. Sebbene il razzo sia più complesso, è autonomo, senza bisogno di un pilota. Presto sarà sempre più accessibile al grande pubblico.


Com’è il percorso per la rampa di lancio? Com’è il briefing sulla sicurezza?

Dal Villaggio degli Astronauti alla rampa di lancio, sono circa tre chilometri. La struttura del villaggio è per l’ospitalità, il centro di addestramento è dove si trova il razzo. Ci siamo spostati all’hangar con un pick-up, dove si trova anche la manutenzione. Poco più avanti c’è la rampa di lancio e atterraggio del booster. C’è una distanza di sicurezza. Pertanto, coloro che hanno accompagnato il lancio sono rimasti al centro di addestramento.

Come ingegnere, visitare la manutenzione è stato fantastico. Ho parlato con gli ingegneri della squadra. Ora andrò in Florida per conoscere la nuova operazione della Blue Origin. Sono abbastanza eccitato, perché, chi lo sa, in un prossimo momento sarà possibile volare in un’altra missione.

La parola migliore per questa esperienza è “indescrivibile” perché non ci sono parametri di paragone. Sia nel precedente, ma soprattutto in quello che è successo lassù. Non c’è paragone con il volo in aereo, né con le immersioni. La sensazione di non sentire il peso del corpo è impressionante.

Prima del lancio, avete conosciuto Charlie Duke, il decimo uomo a camminare sulla Luna. Com’è stato quel momento?

È stato davvero emozionante. Un giorno prima del lancio, eravamo in addestramento e durante le pause pranzo avevamo il programma del “pranzo con l’astronauta”. Il giorno antecedente fu Nicholas Patrick, ex astronauta della NASA, uno dei direttori di volo del New Shepard e direttore senior dell’integrazione umana presso la Blue Origin, e l’altro giorno ci chiedevamo chi sarebbe stato. All’improvviso, hanno messo una foto di Duke, più giovane, con il globo lunare in mano. Quando mi voltai, lui e sua moglie erano lì. Ero incredulo: “Non ci posso credere, conoscere un astronauta che sia stato sulla Luna”. Uno dei tre uomini viventi ad essere sbarcati sulla Luna.

Mi sono seduto accanto a lui e sua moglie e abbiamo pranzato insieme, ma ero così emozionato che non sono riuscito a fare nessuna domanda. Cosa chiederei della Luna? È morbido quando la calpesti? Così sono rimasto più come ascoltatore.

Quando eravamo sul razzo, abbiamo avuto una sorpresa ed è stato annunciato che un visitatore speciale aveva un messaggio per noi. Fu allora che Duke disse che era un momento emozionante come 50 anni fa. Ci ha augurato buon viaggio e ha detto che non vedeva l’ora di vederci al nostro ritorno.


Com’è stato il decollo? Come ci si sente durante il volo, quando si guarda fuori dal finestrino? Com’è la vista dall’alto? Com’è stato quando hai raggiunto la Linea di Kármán?

Ero molto teso, perché essere in cima a un razzo è letteralmente come essere in cima a una bomba controllata. È quel tipo di aspettativa che hai prima di salire sulle montagne russe, sapendo che non morirai perché è sicuro, ma non sapendo come il corpo si adatterà agli stimoli. Quella era la mia più grande curiosità: la sensazione, il rumore. Anche essendosi addestrato, nella realtà è diverso.

Rocket Man” di Elton John mi è rimasta impressa. Era la musica suonata mentre lasciavamo il Villaggio degli Astronauti per la rampa di lancio e siamo entrati nel Rivian. Ero emozionato, sapendo che era giunto il momento. Mi sono guardato indietro, abbiamo salutato la famiglia alle 4:30 del mattino sulla strada per il razzo. Questa canzone mi riporta a quei ricordi.

Quando è iniziato il conto alla rovescia, mi sono chiesto cosa stessi facendo lì. Potevo vedere la fiamma accanto a me. Il razzo è decollato un po’ lentamente, perché era ancora pesante e ci vuole tempo per uscire dall’inerzia. Nei primi istanti sembra addirittura un aeroplano, ma dopo aver superato il max skeel, il punto di massimo sforzo della carenatura, il razzo passa da 700/800 km/h a 2.000/3.000 km/h in meno di un minuto. Quindi inizi a sentire una forza G piuttosto forte nel petto e nelle braccia. Siccome fa una parabola, ho avuto la sensazione di fare una curva e che da un momento all’altro sarebbe a spirale e senti un impulso. Quando guardi fuori dal finestrino, il cielo diventa improvvisamente nero, noti la curvatura definita della Terra e la linea sottile dell’atmosfera. Notare il contenimento dell’ossigeno, che ha veramente attirato la mia attenzione. È veramente perfetto.


Cosa ha portato nel suo “bagaglio spaziale”?

Credo che se tutto è importante, niente è veramente importante. Quindi ho portato cose che hanno un significato speciale per me. Ho portato una Bibbia, che è il mio manuale di regole e pratiche. Ho portato anche la bandiera del Brasile, perché è un onore rappresentare il mio Paese ed è importante trasmettere speranza, soprattutto in un periodo difficile, con la pandemia e i problemi politici. Ho portato anche una bandiera e una maglia del Cruzeiro, dato che sono cruzeirense. Probabilmente è la prima maglia di una squadra che va allo spazio. Inoltre, ho portato una palla, una foto della mia famiglia e di due bambini che promuovono la scienza, uno di loro è Nicole Semião, un’astronoma dilettante di nove anni. Questo è fondamentale per me, perché la mia più grande felicità è lasciare un’eredità e ispirare le persone a sognare e realizzare quei sogni, specialmente quelli che investono nella scienza.

Com’è stato l’atterraggio? Come funziona la ricerca e il salvataggio della capsula?

Dopo il punto massimo, iniziamo a scendere. L’avviso luminoso e sonoro si accende, indicando che dobbiamo tornare ai sedili e allacciare le cinture. È la parte più brusca, in quanto è caduta libera. Abbiamo notato i propulsori che bilanciano la capsula fino allo sgancio dei paracadute. La squadra rimane posizionata finché non vede l’apertura dei paracadute.

Ci sono due fasi nel processo di atterraggio: la prima è il booster, che atterra sul pad, e la seconda è la capsula, che segue una traiettoria parabolica. Attraverso la fisica, è possibile stimare dove atterrerà la capsula. Nonostante sembri un atterraggio d’impatto sulle immagini, in realtà non lo è. Quando la capsula tocca il suolo, rilascia getti d’aria per attutire l’impatto. La polvere vista nelle immagini è in realtà aria spostata rilasciata prima dell’atterraggio. Successivamente, aspettiamo che la squadra effettui una verifica sulla capsula fino all’apertura dello sportello.


Com’è stata la cerimonia di consegna del badge di astronauta?

Dopo l’atterraggio, c’è stata una grande commemorazione! Ho ricevuto la bandiera del Brasile, ho scattato diverse foto e rilasciato interviste per parlare della mia esperienza. Più tardi, vicino alla capsula, il CEO della Blue Origin Bob Smith e il direttore responsabile del New Shepard ci hanno consegnato le spille della missione. Fino ad allora, non esisteva ancora un numero omologato dall’Association of Space Explorers. Oggi sono la 627esima persona ad andare nello spazio nella storia. Recentemente ho ricevuto anche il badge, che conservo con cura in una cassaforte.

Come ingegnere, qual è l’importanza dell’esplorazione spaziale dai privati?

Purtroppo, c’è ancora la percezione che l’esplorazione dello spazio sia solo un giocattolo per miliardari. Tuttavia, le aziende private hanno testato tecnologie per ridurre i costi e ottimizzare le loro operazioni. Nel 2015, Blue Origin ha fatto atterrare il primo razzo e già nel 2021 c’è stato il primo volo civile, su cui ha volato anche Jeff Bezos. Da allora, ci sono state sei missioni. Ho viaggiato nella quinta.

Fino ad ora si è investito solo in ricerca e sviluppo di tecnologie, ma ora ci sono entrate attraverso la vendita dei biglietti. Ad esempio, almeno 100 milioni di persone in Brasile hanno conosciuto la Blue Origin. A causa di un servizio televisivo sulla missione, ha generato un ascolto di 40 milioni. È un modo per guadagnare entrate e visibilità mentre si sviluppano tecnologie per la futura replica su larga scala, come il New Glenn, il nuovo razzo della Blue Origin. Utilizzerà tecnologie testate sul New Sheppard, ma è quasi cinque volte più grande ed entrerà nel programma Artemis per la Luna.

Pensare ai pionieri dell’aviazione, da Santos-Dumont ai fratelli Wright, mostra come l’impossibile sia diventato un luogo comune. Oggi volare è all’ordine del giorno. Comunicare con persone di tutto il mondo in tempo reale. Lo smartphone ha sostituito il computer. La scienza e la tecnologia portano nuove soluzioni. Perché esplorare lo spazio? È la frontiera sconosciuta. Investire in missioni spaziali può sembrare costoso, ma testare i prodotti più volte porta a una maggiore efficienza ed accessibilità. Ne sono un esempio la fotocamera del cellulare e le pappe dei bimbi, pensate per lo spazio, o il satellite che permette di guardare il calcio. Questo porta benefici concreti e reali alla società.

La domanda scottante: la Terra è davvero sferica?

Posso dire per esperienza propria che la Terra non è piatta. Ho potuto vedere sia la linea orizzontale che quella longitudinale. Non posso dimostrare scientificamente ciò che ho visto, ma la spiegazione più logica è che non vi è alcun beneficio per la Terra essendo piatta. Non ci sono motivi per cui ci sia una cospirazione affinché la Terra sia sferica.

Ho una storia: portai un biglietto in tasca e ho pensato: “Se guardo fuori dal finestrino e vedo che la Terra è sferica, lo lascerò mentre fluttuo davanti alla telecamera interna della capsula”. Ho scritto “la Terra è sferica” ​​in portoghese e in inglese.

Per me, la teoria che la Terra sia piatta è vuota e priva di significato. Quando guardi il Sole, la Luna o altri pianeti, sono sferici. Perché solo la Terra dovrebbe essere piatta? Non ha senso che il Sole sia in una cupola. Sono stato ad un’altitudine di 106 km e non ho notato nessun cambiamento, se la Terra fosse piatta mi sarei bruciato. Inoltre, poiché ritengo che la Terra sia sferica, ho ricevuto critiche, domande sulla mia fede da persone che credono nella teoria della Terra piatta.



Victor Hespanha è un ingegnere di produzione civile di Belo Horizonte, Brasile. È conosciuto come il “primo criptonauta della storia” per aver partecipato alla missione suborbitale Blue Origin NS-21 il 4 giugno 2022, dopo aver acquisito tre NFT dalla Crypto Space Agency (CSA). Ha una vasta esperienza nella gestione strategica, di progetto e finanziaria, applicata in diversi settori, come l’edilizia civile, la logistica, l’industria mineraria, l’alimentare e i trasporti.

Riproduzione Riservata © 2024 Scitizenship

Aggiornato il 05/15/2024

Articoli correlati