Tech

X-59: il futuro dei viaggi supersonici

di Redazione

2 minuti

La NASA e Lockheed Martin hanno presentato l’aereo supersonico sperimentale X-59, progettato per trasformare il panorama dei viaggi aerei commerciali nel prossimo futuro. Questo aereo è al centro della missione Quesst della NASA, che mira a superare le restrizioni sui voli supersonici sopra terra e a introdurre nuovi orizzonti nell’aviazione.

L’X-59 è progettato per raggiungere una velocità 1,4 volte superiore a quella del suono, equivalente a circa 1.500 km/h, generando un “boato sonico” relativamente silenzioso grazie al suo design innovativo. L’obiettivo della missione Quesst è affrontare le restrizioni vigenti sui voli supersonici commerciali sopra terra, particolarmente dovute al disturbo causato dai boati sonici.

Il dirigente della NASA, Bob Pearce, ha espresso entusiasmo nel dimostrare la fattibilità dei viaggi supersonici silenziosi, aprendo nuove prospettive per le aziende statunitensi e i viaggiatori globali. L’aspirazione è quella di ritornare all’epoca del Concorde, il leggendario aereo che collegava le sponde dell’Atlantico in circa tre ore tra gli anni Settanta e i primi Duemila.

L’X-59 presenta un design unico con un naso sottile e affusolato, che costituisce quasi un terzo della sua lunghezza, progettato per “rompere” le onde d’urto e ridurre il rumore. L’abitacolo è posizionato a metà della lunghezza dell’aereo senza aperture frontali, consentendo ai piloti di utilizzare l’eXternal Vision System, un sistema basato su telecamere ad alta risoluzione che fornisce una visione in tempo reale su un monitor 4K.

La configurazione dell’aereo, con una lunghezza di 30 metri e un’apertura alare di 9 metri, è determinata dalle esigenze del progetto. Il motore è posizionato nella parte superiore dell’aereo per evitare la formazione di onde d’urto che potrebbero causare il boato sonico. Nonostante sia un aereo sperimentale, l’X-59 non è un prototipo; le sue tecnologie avanzate guideranno le generazioni future di aeromobili supersonici.

Dopo la presentazione, il team Quesst si prepara a prove di sistemi, accensioni del motore e test di rullaggio. Il primo test di volo è previsto entro la fine del 2024, seguito dal primo volo supersonico silenzioso. Il Centro di Ricerca di Volo Armstrong della NASA a Edwards, California, sarà la base operativa per una serie di test successivi. In caso di esito favorevole, la NASA condurrà l’aereo sopra alcune città degli Stati Uniti per raccogliere dati sull’impatto acustico da condividere con gli enti regolatori del trasporto aereo.


Riproduzione Riservata © 2024 Scitizenship