Digitalmente

Abel, il robot che assiste i malati di demenza

di Redazione

2 minuti

Un robot umanoide capace di interagire con empatia con i pazienti affetti da disturbi del neurosviluppo: si chiama Abel ed è il progetto su cui la startup Emotiva sta lavorando in stretta collaborazione con il Centro di Ricerca “Enrico Piaggio” dell’Università di Pisa. Abel sarà in grado di abbatte le barriere della comunicazione attraverso un profondo coinvolgimento socio-emotivo a vantaggio di tutti quei pazienti che non sono più in grado di verbalizzare, con problemi di comprensione ed espressione delle emozioni, ad esempio i disturbi comportamentali e disturbi dello spettro autistico. 


A permettere ad Abel di interagire è un hardware, composto da 42 servomotori di nuova generazione che guidano il movimento di testa, braccia e ogni dettaglio del volto, e un software di Intelligenza Artificiale (IA) che permette di riconoscere le espressioni dell’interlocutore e dialogare. A indurre e comprendere le emozioni ci pensa Emotion, il nuovo algoritmo di IA sviluppato da Emotiva, che ha raggiunto altissimi livelli di accuratezza nel riconoscere le emozioni umane.


“Emotiva e il team di ricerca del Centro ‘Enrico Piaggio’ condividono una visione comune per migliorare l’interazione uomo-macchina costruendo uno strumento che ci aiuti a comprendere meglio i processi cognitivi ed emotivi umani”, ha dichiarato Andrea Sempi di Emotiva.


Ma il progetto Abel va ben oltre il riconoscimento delle emozioni: può supportare la sfida sanitaria del XXI° secolo cioè la demenza. Oggi nel mondo ne sono affette 55 milioni di persone ed, entro il 2050, secondo l’OMS, questo numero sarà quasi triplicato fino a 152 milioni, ovvero 1 persona su 85. “Utilizzando la sua capacità di apprendere e mostrare empatia, Abel sarà uno strumento efficace per contribuire a migliorare l’assistenza ai malati di demenza, colmando le lacune comunicative e fornendo un’altra forma di sostegno ai caregiver e ai familiari” spiega Lorenzo Cominelli, ricercatore post-dottorato presso il Centro di ricerca.


*immagine di copertina: Massimo Berruti – Emotiva – Centro Piaggio Università di Pisa

Riproduzione Riservata © 2022 Scitizenship

SHARE ON