Biologicamente

Komen Italia e Luiss insieme per coltivare la prevenzione

di Redazione

3 minuti

Il mese internazionale della prevenzione dei tumori del seno assume quest’anno un significato ancora più importante per i gravi “danni collaterali” che la pandemia da Covid-19 ha causato in campo oncologico: ritardi negli interventi chirurgici, nelle prestazioni terapeutiche salvavita e blocco completo per sei mesi dei programmi di screening con 1 milione di esami mammografici in meno e oltre 3.500 donne che hanno scoperto di avere un tumore del seno in fase più avanzata.


Per aiutare a recuperare il tempo perduto negli ultimi due anni, la Komen Italia, organizzazione basata sul volontariato, in prima linea nella lotta ai tumori del seno, ha intensificato le attività della “Carovana della Prevenzione”, il Programma Nazionale Itinerante di Promozione della Salute Femminile: utilizzando le sue 4 unità mobili ad alta tecnologia e lavorando fianco a fianco con la Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS e altri partner clinici, ha offerto la possibilità di effettuare gratuitamente “a domicilio” gli esami di diagnosi precoce dei tumori del seno ad oltre 30.000 donne, in modo particolare a coloro che vivono condizioni di maggiore fragilità sociale ed economica.



Questa è senza dubbio la più importante tra le iniziative che l’organizzazione mette costantemente in atto per favorire la prevenzione e sostenere le donne già impegnate nella loro lotta. Tra queste c’è il percorso organizzato nell’orto bio della Luiss Guido Carli per valorizzare l’impatto di abitudini di vita salutari nella salvaguardia e nelle fasi di cura delle malattie oncologiche. Nella giornata di lunedì 24 ottobre, nel Campus di Viale Romania, la Luiss, in collaborazione con Komen Italia, ha lanciato il percorso in orto per le “Donne in Rosa”, donne che hanno affrontato o stanno affrontando un tumore del seno, con il progettoDal Campus alla tavola” durante l’evento “Coltiva la tua salute”, nell’ambito del Festival dello Sviluppo sostenibile.


Il progetto ha lo scopo di creare un impatto positivo nel percorso di cure delle pazienti del “Centro Komen Italia per i Trattamenti Integrati in Oncologia” del Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS e si concretizzerà con la realizzazione di seminari sulle proprietà nutraceutiche degli alimenti. Alla parte strettamente teorica seguirà la pratica: con il supporto del personale tecnico Luiss e dei biologi nutrizionisti del Policlinico Gemelli, 24 pazienti, indicate da Komen Italia, coltiveranno spezie e piante aromatiche funzionali al percorso di recupero negli spazi verdi dell’Orto Luiss, attivo dal 2014 con progetti di inclusione sociale e educazione alla sostenibilità. Il percorso di orticultura si articolerà in un doppio appuntamento settimanale in partenza da novembre fino a primavera.


Hanno preso parte alla giornata di lancio del progetto, oltre alle pazienti selezionate, il Fondatore di Komen Italia, il prof. Riccardo Masetti, il Responsabile del Servizio di Terapie Integrate della Fondazione Policlinico Gemelli di Roma IRCCS, il dott. Stefano Magno, il team dei nutrizionisti del dipartimento di Terapie Integrate del reparto di senologia, i dottori Alessio FilipponeMaria Maddalena Rossi e Cristina Rossi, insieme al Direttore People & Culture Luiss, Francesco Maria Spanò.


Anche in questa occasione, Komen Italia ha messo a disposizione la Carovana della Prevenzione per offrire, grazie ad un servizio di prenotazione, esami diagnostici e consulenze gratuite al Personale dell’Ateneo, oltre ad attività di sensibilizzazione e prevenzione delle principali patologie oncologiche di genere per tutta la comunità femminile della Luiss.

Riproduzione Riservata © 2022 Scitizenship

SHARE ON