Cultura

Dieci anni del Rome Local Group “Women in Aerospace Europe”

di Redazione

3 minuti

Il 1¬į dicembre 2023, il¬†Rome Local Group¬†‚ÄúWomen In Aerospace Europe‚ÄĚ (WIA-E) ha festeggiato i suoi primi 10 anni con un evento tenutosi presso l’Auditorium ASI (Agenzia Spaziale Italiana) della sede centrale in Via del Politecnico a Roma. Il¬†Local Group¬†di WIA-E √® stato fondato nell’ottobre 2013 con l’obiettivo di diffondere maggiormente nel territorio le attivit√† legate all’aerospace. L’evento √® stato una piattaforma per condividere le numerose attivit√† di studio, ricerca e collaborazioni che sono state svolte in questi dieci anni.

L’evento √® stato inaugurato da¬†Giuseppina Piccirilli, Responsabile della Valorizzazione Immagine, Comunicazione e Capo Ufficio Stampa presso ASI. La sessione di apertura ha visto gli interventi di¬†Teodoro Valente, presidente di ASI, e di¬†Cristina Valente¬†e¬†Annamaria Nassisi, leader del gruppo locale di¬†WIA-Europe¬†a Roma.

Il discorso di benvenuto √® stato seguito dalla proiezione del video “10 anni di storia di¬†WIA-Europe Rome Local Group” e dall’intervento video di¬†Simonetta Di Pippo, co-fondatrice di WIA Europe e presidente onorario, nonch√© direttrice di¬†SeeLab¬†presso la Bocconi.

La sessione “Cosa √® cambiato?” ha registrato i contributi di ospiti illustri, tra cui¬†Patrizia Caraveo, vincitrice del¬†WIA-E 2014 Outstanding Award¬†e dirigente di ricerca presso l’INAF, l’astronauta¬†Paolo Nespoli,¬†Elena Pettinelli, professoressa ordinaria di Fisica della Terra presso l’Universit√† di Roma “RomaTRE”,¬†Fabrizio Piergentili, professore ordinario di Sistemi Spaziali presso l’Universit√† di Roma “La Sapienza”,¬†Marina Ruggieri, professoressa ordinaria di Telecomunicazioni presso l’Universit√† di Roma “Tor Vergata”, e¬†Gabriella Arrigo, direttore affari internazionali presso ASI.¬†

Patrizia Caraveo ha sottolineato¬†che la disparit√† di genere negli ambiti scientifici esiste anche nell‚Äôassegnamento dei premi. ‚ÄúNe √® esempio il Premio Nobel per la Fisica‚ÄĚ, ha detto Caraveo. ‚ÄúSu 221 vincitori, solo 5 sono state donne‚ÄĚ. L‚Äôastrofisica ha per√≤ evidenziato i grandi passi avanti compiuti recentemente, sottolineando come negli ultimi 6 anni ci siano state 3 vincitrici donne. Elena Pettinelli ha esortato a cominciare a¬†insegnare il prima possibile ai ragazzi che non c‚Äô√® una differenza di capacit√† nei generi: ‚Äúbisogna agire sulla scuola, a livello universitario √® gi√† tardi‚ÄĚ.

Dopo la tavola rotonda, l’artista¬†Alessia Gloder¬†ha eseguito una performance musicale, seguita dalla sessione “Quali azioni future per una cultura pi√Ļ inclusiva?” con interventi di¬†Luigi Pasquali, CEO di¬†Telespazio,¬†Giampiero Di Paolo, vicepresidente del dominio Osservazione e Navigazione presso¬†Thales Alenia Space Italia,¬†Milena Lerario, CEO di¬†Airbus¬†Italia, e¬†Laurence Delpy, General Manager della Video Business Unit di¬†Eutelsat.

La discussione si √® poi concentrata su “Quali sono ancora i bias da superare?” con la partecipazione di¬†Cristina Leone, presidente del¬†CTNA¬†(Cluster Tecnologico Nazionale Aerospazio),¬†Lorenzo Feruglio,¬†CEO di¬†AIKO,¬†Marzia Migliorelli, Commercial Director di¬†Sitael, e¬†Daniela Iasillo, Strategic Business Development Copernicus di¬†Planetek. ‚ÄúUna donna che raggiunge una posizione √® un passo avanti per tutte noi e dobbiamo sempre esserne contente‚ÄĚ, ha detto Leone. ‚Äú√ą necessario fare rete molto di pi√Ļ‚ÄĚ.

Simonetta Cheli, Direttrice dei programmi EO, ESA e capo dello stabilimento¬†ESRIN, si √® poi occupata dell‚Äôintervento ‚ÄúCome lo spazio pu√≤ proteggere il sistema terra?‚ÄĚ. ‚ÄúI satelliti e i loro strumenti giocano un ruolo fondamentale nella battaglia contro le emissioni. Permettono di identificare grandi emettitori o piccoli emettitori fino ad una scala di qualche metro di metano. Questo ci aiuta perch√© ci permette di intervenire subito‚ÄĚ, ha spiegato Cheli. ‚ÄúQualsiasi azione presa oggi √® un investimento che permette di ridurre a breve termine la presenza di gas a effetto serra quale il metano nell‚Äôatmosfera, e quindi di agire immediatamente per limitare l‚Äôeffetto del riscaldamento globale.¬†Dallo spazio si pu√≤ fare tanto per salvare la vita dell‚Äôuomo sulla terra‚ÄĚ, ha continuato l‚Äôesperta.

Ettore Perozzi¬†ha affrontato il tema degli asteroidi con la presentazione “Asteroidi: cosa c‚Äô√® in un nome?”. √ą stato inoltre proiettato il video “Quale √® stato il nostro percorso?” sulle attivit√† del¬†WIA-Europe Rome Local Group¬†negli ultimi 10 anni, con un’analisi delle esperienze condivise dai membri chiave del gruppo di Roma, tra cui¬†Paola Berlinghieri, co-fondatrice del gruppo, e i membri del consiglio direttivo¬†Federica Angeletti,¬†Maria Messina,¬†Alessia Gloder,¬†Anastasia Schilir√≤,¬†Alice Pellegrino,¬†Aloisia Russo¬†e¬†Laura Bettiol.

La sessione si √® conclusa con la presentazione di nuove iniziative del gruppo, tra cui il progetto “Diversity & Inclusion: Generazioni a confronto” presentato da¬†Eleonora Azzarone, supportato da Telespazio, e il progetto “Inclusione e diversit√† a supporto del progetto di sostenibilit√†” presentato da¬†Eliana Andriani.

Riproduzione Riservata © 2024 Scitizenship