Società

Habitat Marte: simulare la vita su Marte per la sostenibilità sulla Terra

di Redazione

3 minuti

Il pianeta Marte attrae l’attenzione degli scienziati di tutto il mondo non solo per la sua vicinanza alla Terra, ma anche per la possibilità di vita. E se vi dicessi che c’è un luogo che simula esattamente tutte le condizioni di un pianeta diverso dal nostro, dove i visitatori possono vivere esperienze simili a quelle di un vero viaggio extraterrestre? In Brasile, un’iniziativa nella zona semi-arida del Rio Grande do Norte sta studiando come gli esseri umani possano vivere su un altro pianeta.

Il professore Júlio Rezende, del Dipartimento di Ingegneria della Produzione dell’Università Federale del Rio Grande do Norte (UFRN), ha avviato il progetto Habitat Marte ispirato alla Mars Desert Research Station (MDRS) della The Mars Society, un’organizzazione internazionale senza scopo di lucro che promuove l’esplorazione di Marte a livello politico.

Il ricercatore ha dichiarato che l’idea gli è venuta dopo essere stato chiamato a comandare una missione presso la MDRS, nel deserto dello Utah (Stati Uniti), nel 2017. Grazie all’esperienza acquisita nella “simulazione della vita fuori dalla Terra”, ha deciso di replicare lo studio in Brasile.

La base, situata nell’area rurale di Caiçara do Rio do Vento, nel mezzo della caatinga nord-orientale, ha una superficie di 360 metri quadrati e mira a incoraggiare la ricerca sul pianeta rosso a tracciare un parallelo tra il suolo di Marte e il sertão brasiliano, per migliorare la vita di coloro che vivono nelle zone aride del Paese. Il progetto offre tutte le condizioni necessarie per essere occupato durante il tempo di esplorazione dei visitatori.

La sfida dell’iniziativa, secondo il ricercatore, è creare un modello di economia circolare, in cui gli “astronauti” producono la propria energia e cibo e riciclano rifiuti e acqua. “Abbiamo costruito una serra acquaponica, dove alleviamo pesci e produciamo cibo. Verranno consumati durante le missioni stesse, quando gli astronauti saranno confinati“, afferma il Prof. Rezende, sottolineando che l’idea potrebbe essere implementata futuramente su Marte.

Ogni missione si svolge nell’arco di due giorni, di solito nei fine settimana. Dal dicembre 2017 al 2022 sono state effettuate più di 110 missioni con oltre 600 partecipanti, tutte finanziate con le risorse proprie dei ricercatori. Il professore dell’UFRN sta cercando un appoggio finanziario per ampliare il periodo di esperienza e ottenere maggiori risultati.

Missione spaziale

Alla stazione spaziale, gli esploratori indossano le tute spaziali fornite dal programma mentre simulano studi sul suolo, il clima e l’atmosfera di Marte. Le missioni possono essere sia in presenza che virtuali, ciascuna con un tema specifico. Ad esempio, la missione 65 consisteva nel progettare sette diverse strutture sostenibili e autosufficienti in risposta a un virus che si stava diffondendo all’Habitat.

L’Habitat Marte è uno dei progetti più innovativi per sviluppare competenze nello spazio e nella sostenibilità“, dichiara il ricercatore.

Gli esploratori sono invitati a immaginarsi come astronauti responsabili della gestione di una stazione sul pianeta, composta da sette infrastrutture: stazione centrale, serra, centrale elettrica, centro sanitario, centro di ingegneria, centro di lancio e centro igienico-sanitario.

I partecipanti saranno gestori e ricercatori di queste infrastrutture, immaginando le loro caratteristiche e attività durante il periodo della missione“, spiega lo scienziato.

Solo la modalità virtuale ha coinvolto partecipanti provenienti da 39 paesi, tra cui studenti delle scuole superiori e scienziati di carriera avanzata. “La dinamica proposta offre un grande scambio di conoscenze“, aggiunge il professore.

Se sei interessato, è possibile registrarti. Le iscrizioni sono aperte a chiunque voglia sperimentare la vita su una stazione spaziale e partecipare all’esperienza di simulazione degli astronauti. Il progetto aggiorna settimanalmente informazioni sulle missioni, i traguardi, i risultati e le opportunità attraverso i social network @HabitatMarte o il sito web www.habitatmarte.com

Riproduzione Riservata © 2024 Scitizenship

Aggiornato il 05/15/2024

Articoli correlati