Medicina

Endometriosi, un progetto formativo per la diagnosi precoce

di Redazione

2 minuti

L’endometriosi è una patologia di cui si inizia a parlare oggi dopo che, per anni, molte donne hanno combattuto contro un fantasma, una patologia che neanche la medicina riusciva a diagnosticare. Ancora oggi, troppo spesso, l’endometriosi viene diagnosticata con estremo ritardo. Questa malattia colpisce tra il 10 e il 15 per cento delle donne in età fertile. Chi ne soffre parla di un dolore pelvico invalidante che può peggiorare la qualità della vita, oltre che ridurre la fertilità.

Grazie al progetto europeo Mona Lisa Smile, guidato dall’Università di Bologna, è nato un corso gratuito di formazione a distanza (MOOC – Massive Open Online Course) dedicato alla formazione dei medici specialisti e specializzandi in Ginecologia e Ostetricia e in Medicina Generale per promuovere la diagnosi precoce dell’endometriosi nell’adolescente. Scoprire la patologia nelle donne giovani è tanto fondamentale quanto, al momento, difficile. Si stima, infatti, che il ritardo diagnostico, generalmente riportato tra i 5 e gli 8 anni nelle donne adulte, possa superare i 10 anni nelle adolescenti.

endometriosi



“Le ragioni del ritardo diagnostico nell’adolescenza riguardano innanzitutto le peculiarità della malattia in questa fascia d’età, che rendono più difficile la diagnosi”, spiega Renato Seracchioli, direttore dell’Unità Operativa di Ginecologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana dell’IRCCS Azienda Ospedaliero Universitaria di Bologna, professore del Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche dell’Università di Bologna e coordinatore del progetto. “Tuttavia c’è probabilmente anche un’inadeguata conoscenza della patologi da parte del personale sanitario”.

Il progetto Mona Lisa Smile nasce proprio per trovare una soluzione a questa mancanza di competenze. Il primo strumento messo in campo è un corso online pensato per gli operatori sanitari che offre una panoramica completa dell’endometriosi, spiegandone l’epidemiologia, l’eziopatogenesi e mostrando come diagnosticare e trattare la malattia nelle adolescenti. Gli studiosi stanno, inoltre, lavorando alla realizzazione di una app gratuita pensata per promuovere la diagnosi precoce dell’endometriosi tra i professionisti sanitari.

Mona Lisa Smile è un progetto Erasmus+ guidato dall’Università di Bologna con il coordinamento dell’equipe dell’Unità Operativa di Ginecologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana dell’IRCCS Azienda Ospedaliero Universitaria di Bologna – Policlinico di Sant’Orsola, da anni impegnata nella ricerca sull’endometriosi e sul dolore pelvico. Iniziato a dicembre 2022, terminerà a fine maggio 2024. Ideato dal prof. Seracchioli e dalle dottoresse Simona Del Forno e Giulia Borghese, il progetto coinvolge altri cinque partner europei: l’IRCCS Azienda Ospedaliero Universitaria di Bologna – Policlinico di Sant’Orsola, l’Università di Siena, l’Università di Liège (Belgio), l’Università di Madrid (Spagna) e l’Università di Skane (Svezia).

Riproduzione Riservata © 2024 Scitizenship

Aggiornato il 03/28/2024

Articoli correlati