Medicina

Contro l’insonnia arrivano le terapie digitali (DTx)

di Redazione

2 minuti

Il sonno √® un elemento fondamentale per la nostra salute.¬†L’insonnia diventa cronica quando si manifesta almeno 3 volte a settimana per 3 mesi consecutivi. Soluzioni? Spesso le benzodiazepine, che per√≤ portano, a volte, dipendenza, oppure la terapia cognitivo-comportamentale, molto efficace e con effetti collaterali minimi o assenti. Ma l‚Äôaccesso a questa pratica √® limitato. Da qui il crescente interesse nei confronti delle terapie digitali (DTx), tecnologie che offrono interventi terapeutici guidati da software di alta qualit√†, con l’obiettivo di rimodellare lo stile di vita dei pazienti attraverso la raccolta di dati finalizzati al monitoraggio e alla sperimentazione. Queste terapie sono classificate e regolamentate come veri e propri farmaci, motivo per cui hanno, ad esempio, bisogno di prescrizione medica per essere fruibili dal paziente.

Per quanto riguarda il focus dell’insonnia, sono state approvare 6 terapie digitali (DTx) per il suo trattamento e sono gi√† disponibili in alcuni Paesi, anche se nella maggior parte dei casi l‚Äôaccesso √® limitato al Paese in cui sono state sviluppate. Per ovviare a questo problema e rendere le terapie digitali disponibili anche per pazienti italiani ed europei, pi√Ļ in generale, √® nato NyxDigital, un progetto di ricerca e sviluppo di una candidata Digital Therapeutic per l‚Äôinsonnia cronica dell‚ÄôUniversit√† di Verona¬†promosso nel 2022 da¬†Elena Antelmi, docente di Neurologia nel dipartimento di Ingegneria per la medicina di innovazione, diretto da¬†Michele Milella, responsabile del Centro del sonno della¬†Neurologia B dell‚ÄôAzienda¬†ospedaliera di Verona, e da¬†Michele Tinazzi, in collaborazione con la startup¬†daVi¬†DigitalMedicine.

Come si legge sul sito ufficiale, “NYX – Digital¬†Net¬†√® una rete italiana di collaborazione¬†tra l’Universit√† di Verona e diversi¬†partner scientifici e tecnologici specializzati, con l’obiettivo comune di rivoluzionare il trattamento dell’insonnia grazie alla medicina digitale”. Tra i partecipanti ci sono il Dipartimento di Ingegneria per la Medicina di Innovazione dell‚ÄôUniversit√† di Verona, imprese private come daVi¬†DigitalMedicine¬†srl, Santer¬†Reply spa, Qstep¬†srl, Polifarma spa ed esperti singoli. Si prevede lo sviluppo iniziale di un¬†Care Support¬†e, successivamente, lo sviluppo di un¬†Digital Therapeutic.¬†

“Per rivoluzionare la cura di una patologia non basta avere un’idea, occorre metterla alla prova con la ricerca scientifica. Stiamo organizzando i preparativi per il primo studio clinico dedicato¬†a¬†testare la nostra soluzione su persone che soffrono di insonnia”, si legge ancora sul sito web. Il macro obiettivo del progetto NyxDigital √® diventare un¬†modello di riferimento¬†per lo sviluppo di terapie digitali per il trattamento di malattie, in Italia e non solo.¬†

Riproduzione Riservata © 2024 Scitizenship

Aggiornato il 03/18/2024

Articoli correlati